L'Arte Indigena

Considerando la grande diversità delle tribù indigene in Brasile, si può dire che, insieme, si pone in l'arte della ceramica, la tessitura e gli ornamenti del corpo. In ceramica, raggiungere un elevato livello di bellezza.

Ma il punto più alto dell'arte indiana sono intrecciati essenziali per il trasporto di caccia, la pesca, la frutta, per costruire il tetto della casa e per fare le trappole.

L'Architettura

Nello sviuppo delle città brasiliane, nate dapprima semplecemente come centri fortificati a difesa delle guarnigioni dei conquistatori, larga parte ebbero i Gesuiti che si ispirarono, per ovvie raggione di provenienza, alla contemporanea produzione portoghese.

Il meticcio Antonio Francisco Lisboa, detto Aleijadinho (1738-1814), Autodidatta, figlio di un colono portoghese e di una schiava, sviluppò una notevole maestria nelle più raffinate decorazioni rococò e le sue sculture lignee policrome e le statue di pietra esprimono una grandiosità di sentimenti fuori dal tempo. Le cui opere più famose si trovano a Congonhas, nello Stato di Minas Gerais, dove eseguì sei gruppi di scultura policrome in legno, Le stazione della Croce, I dodici profetti, considerata la sua opera più famosa.

Il patrimonio brasiliano è uno dei più antichi in America, essendo particolarmente ricca di reperti di arte barocca e l'architettura, sono concentrati in Minas Gerais (Ouro Preto, Diamantina, São João del-Rei, Sabará, Congonhas, etc) e em centros históricos de Recife, São Luis, Salvador, Olinda, Santos, Paraty, Pirenópolis, Goiás, entre outras cidades. Ma ha anche le grandi città e di molti importanti edifici di architettura eclettica, la transizione tra i secoli XIX e XX.

Come di metà del secolo XX la costruzione di una serie di opere moderne, creato da un gruppo guidato da Warchavchik Gregori, Lucio Costa e Oscar Niemeyer, in particolare, ha progettato l'architettura brasiliana a livello internazionale.

La Scultura

Scultura in Brasile seguito le correnti estetiche che hanno guidato lo sviluppo dell'arte in altri paesi occidentali, in particolare in Europa, da dove venivano le influenze principali che hanno arricchito il terreno artistico brasiliano. Nel corso degli ultimi 500 anni della sua storia, il Brasile si è assistito ad una fioritura particolarmente ricca di scultura nel periodo barocco, con uno stile unificato globale, e del XX secolo, quando la varietà predominante.

Scultura in Brasile non è stata limitata o limitato ad eventi di grande arte classica o ufficiali. Fin dai primi giorni ci sono state varie espressioni nato da gente comune, ignorante, lontano dalla ricchezza che ha sponsorizzato la costruzione di grandi chiese decorate con lusso e gli edifici dello Stato con i loro grandi statue monumentali.

La Pittura

Il dipinto è nato in Brasile nel tardo rispetto alla scoperta e la colonizzazione del territorio. Anche se ci sono registrazioni di attività di pittori, disegni e acquerelli di attività in Brasile dal 1556, sono venuti solo di passaggio, rendendo semplice la documentazione visiva di queste terre ai monarchi e naturalisti europei.

Con il trasferimento della corte portoghese a Rio de Janeiro nel 1808, ha iniziato un nuovo ciclo di coltivazione in Brasile, in particolare con l'arrivo anche da diversi artisti stranieri, attratti dalla prospettiva di progresso che la presenza del giudice ispirato.

Tra le varie misure adottate dal re Giovanni VI per migliorare la vita nella colonia inclusa la fondazione di scuole, musei e biblioteche, ma ha avuto un profondo impatto sul istituzionalizzazione, la normalizzazione e la stabilizzazione di educazione artistica per creare la Scuola Reale di Scienze, Lettere e artigianato nel 1816, che più tardi si è evoluta per formare l'Accademia Imperiale e la Scuola di Belle Arti.